L’arte e la cultura per la pace e la solidarietà

A 20 anni dalla caduta del muro di Berlino

 

Rieti, 17 ottobre 2009

 

Presso la Sala Consiliare del Comune di Rieti, l’Accademia internazionale “La Sponda” presieduta dal dott. Benito Corradini, ha organizzato un convegno dal titolo “L’arte e la cultura per la pace e la solidarietà”, con il patrocinio del Comune di Rieti.

{becssg}eventi/2009-10-17_Rieti{/becssg}

{becssg_c}0|img_3053.jpg|Benito Corradini|Presidente Accademia Internazionale La Sponda{/becssg_c}

{becssg_c}0|img_3056.jpg|Luigi Saitta|Giornalista e scrittore{/becssg_c}

{becssg_c}0|img_3057.jpg|Mu Fangshun|Giornalista cinese, corrispondente del Guangming Ribao{/becssg_c}

{becssg_c}0|img_3059.jpg|Gianni Turina|Presidente Consiglio Comunale di Rieti{/becssg_c}

{becssg_c}0|img_3062.jpg|Roberto Simon|Giornalista spagnolo{/becssg_c}

{becssg_c}0|img_3063.jpg|Gianpistone|Artista{/becssg_c}

{becssg_c}0|img_3065.jpg|Gli intervenuti|{/becssg_c}

{becssg_c}0|img_3068.jpg|Gugliemo Rositani|Consigliere di amministrazione Rai{/becssg_c}

 

 

Il Presidente del Consiglio comunale, prof. Gianni Turina, ha introdotto gli ospiti internazionali, ricordando lo storico evento, e analizzando il ruolo della cultura nei cambiamenti epocali provocati dalla caduta del muro di Berlino. “La voce dell’Arte e della Cultura – afferma – può essere un grande strumento per tutti coloro che sono impegnati nella Cultura, nel lavoro, nelle Professioni, nel Sociale e negli Impegni umanitari”.

All’evento hanno portato le loro esperienze, oltre al prof. Gianni Turina e al dott. Benito Corradini, il giornalista Luigi Saitta, il maestro Gianpistone, Mu Fangshun, corrispondente del giornale cinese Guangming Ribao, Roberto Simon, giornalista, corrispondente di quotidiani spagnoli e l’on. Guglielmo Rositani, membro del Consiglio di Amministrazione della Rai, che ha tenuto le conclusioni.

 

 

Un altro grande evento internazionale, in occasione del ventennale della caduta del muro di Berlino, è stato annunciato dal dott. Corradini: si terrà a Roma, il 9 novembre, con una grande mostra di opere d’arte di artisti provenienta dai paesi della “guerra fredda” e di altre parti del mondo.